martedì 15 settembre 2015

Recensione: Angelfall - L'angelo caduto di Susan Ee

Titolo: Angelfall - L'angelo caduto
Penryn & the End of Days #1
Autore: Susan Ee
Editore: Fanucci Editore
Pagine: 314
Prezzo ed. cartacea: 12,00€
Prezzo ebook: 4,99€
Data di pubblicazione: 25 luglio 2013

Penryn & the End of Days:
#1 Angelfall - L'angelo caduto
#2 World After - L'oscurità
#3 End of Days

Trama:

Una storia d’amore e apocalisse, nel solco dei romanzi distopici più appassionanti e suggestivi, con un’eroina coraggiosa e combattiva come Katniss di Hunger Games.
Un esercito di angeli sterminatori ha attaccato la Terra: dopo poche settimane la violenza dilaga ovunque, insieme alla paura e alla superstizione. Nella Silicon Valley ostaggio delle gang, la diciassettenne Penryn cerca di sopravvivere e proteggere la sua famiglia, fino a quando gli angeli guerrieri non rapiscono sua sorella minore, la più fragile, la più indifesa. L’unico modo per salvarla è affidarsi a un nemico, un angelo che ha perso le ali in combattimento e ora ha bisogno, come Penryn, di raggiungere la roccaforte delle crudeli creature alate a San Francisco. Nel viaggio che li porterà alla città, Penryn e Raf impareranno a contare solo l’una sull’altro, in un deserto in cui regnano la devastazione e il sospetto e in cui il pericolo è dietro ogni angolo.


Recensione:
Appena finito di leggerlo e...sono senza parole.
Dopo i primi capitoli stavo pensando di abbandonarne la lettura, c'era qualcosa che non riusciva a farmi entrare pienamente nella storia, ma mii sono impuntata, spinta dai tanti commenti positivi.
E cavolo!
Se all'inizio la storia mi è sembrata quasi monotona, animata da uno scetticismo personale verso le storie che parlano di angeli, man mano che i capitoli scorrevano il ritmo aumentava, le vicende hanno cominciato a susseguirsi quasi senza sosta, affrontate attraverso il punto di vista e i sentimenti della protagonista.
Ciò che più mi ha sconvolto è stato il connubio tra situazione prevedibili ed eventi inaspettati. In alcuni punti mi sembrava tutto così chiaro, avevo la sensazione dii aver capito come sarebbe evoluta la situazione e cosa avrebbero trovato ancor prima di andare avanti con le pagine e invece "sorpresa!". Le cose si sono rivelate completamente diverse e a dir poco attese in quel modo. Sono rimasta letteralmente spiazzata dagli ultimi capitoli di questo libro e ancora adesso non riesco pienamente a trovar le parole per descriverlo.
I protagonisti sono uno spettacolo, soprattutto visti insieme. Li si impara a conoscere durante tutta l'evoluzione della storia, attraverso la scoperta reciproca che anche loro fanno l'uno dell'altra.
Penryn ha una testardaggine e una determinazione che la rendono, almeno per me, adorabile, una forza d'animo che raramente si incontra. Ho ammirato la sua caratterizzazione, perfetta nel renderla sì forte nella sua capacità di affrontare anche le situazioni più difficili, ma al tempo stesso terribilmente umana, con le sue paure, i suoi timori, il suo modo di interpretare sguardi e gesti altrui. Se all'inizio non riuscivo molto a sopportarla nel suo voler avere tutto sotto controllo, poi ho imparato a conoscerla e a cogliere le sfumature della sua vita.
Raf è stato un enigma per buona parte della storia (se non tutta), di poche parole, con un carattere in apparenza chiuso. Mi è piaciuto molto come l'autrice sia riuscita a renderlo attraverso gli occhi di Penryn, rendendoci suoi compagni nella scoperta e conoscenza di una razza così diversa e lontana da quella umana.
Il rapporto tra i due protagonisti non manca mai di divertimento e brio, risulta naturale e spontaneo in ogni sua sfumatura.
Ora sono curiosa di scoprire come la storia andrà avanti, come cresceranno i personaggi, non solo i protagonisti principali.
Una lettura che mi ha colpito alla fine e che mi ha fatto scoprire per la prima volta il mondo degli angeli, da cui mi ero sempre tenuta alla larga.
Uno stile capace di travolgere senza mai annoiare. Consigliato!

Valutazione:

Cover Look:
Tra la cover originale e le due cover italiane, devo dire che preferisco decisamente la prima: nei colori usati, nella semplicità, mi rimanda esattamente ciò che poi ho trovato tra le pagine del libro. 
La prima cover italiana ha qualcosa che non mi rimanda pienamente l'intensità che emerge dalla storia, lo sguardo della ragazza è fantastico, ma la sagoma dell'angelo mi ricorda troppo Trilly o una fatina. La seconda invece ha quel bordino rosa che proprio non riesce a invitarmi a prenderlo in mano. 

Voi cosa ne pensate di questo libro?
L'avete letto?


4 commenti:

  1. Nonostante sia riuscita a farmi un'idea della ricezione positiva del romanzo, è la prima volta che mi ci soffermo e leggo una recensione XD Avevo già in mente di leggerlo, ma ora sono ancora più curiosa di prima: dalle tue parole sembrerebbe che possa piacermi. ^^
    Quanto alle cover, anch'io preferisco l'originale, ma il bordino della nuova edizione italiana non mi crea particolari fastidi e la preferisco alla precedente di gran lunga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho elementi di paragone come romanzi con angeli come protagonisti, prima d'ora li avevo sempre lasciati da parte, poco convinta, ma questo mi è piaciuto =)

      Ultimamente rimango affascinata da tutte le cover originali °_° al punto che sono tentata di leggere in inglese anche solo per le differenze di copertina XD

      Elimina
  2. Sono contenta che ti sia piaciuto ♡
    Io lo sto rileggendo! Sono ancora ai primi capitoli, ma le sensazioni sono le stesse della prima volta. Adoro Raffe, adoro Penryn, li adoro insieme *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme sono una cosa stupenda *__* in tutte le sfumature, dalle preoccupazioni ai battibecchi *__*

      Elimina